Donatello

automation technology

Il depalletizzatore Donatello è stato progettato per sfruttare pochissimo spazio, pur essendo una macchina completamente automatica, garantendo però affidabilità e produttività; Donatello vanta una testa a pinze

pneumatiche brevettate, al posto dei tradizionali tubi gonfiabili, in grado di garantire una sicura presa per il collo delle bottiglie, un ridotto consumo di aria, e una maggiore velocità di ciclo rispetto ai tradizionali modelli.

Costruito interamente in alluminio strutturale, con spostamenti su guide a ricircolo di sfere comandati da motori retroazionati.

Dopo il posizionamento del pallet pieno, l’unità mobile, con a bordo le pinze, ricerca lo strato da scaricare. ( Foto DN F01 ) Ogni strato viene rilevato in modo automatico, tramite il tastatore. ( Foto DN F02 ) Il rilevamento, e di conseguenza la posizione di prelievo, può essere aggiornata e corretta dall’operatore.

Prima di ogni prelievo, lo strato viene allineato tramite i compattatori fissi e mobili. ( Foto DN F03 )L’unità di compattazione mobile è stata progettata in modo da gestire la giusta pressione per ogni fila prelevata.

Le pinze pneumatiche consentono a Donatello di essere estremamente veloce e riducono le tempistiche del ciclo macchina, aumentando notevolmente la produttività; questo grazie anche al tipo di controllo elettronico presente sugli assi della macchina, che la rende molto precisa e affidabile. ( Foto DN F04 ) Il rilevamento delle file avviene in modo completamente automatico, essendo assistito da unità ottiche e sistemi di assi elettronici . ( Foto DN F05 )

Vengono prelevate due file alla volta serrando le bottiglie dal collo indipendentemente dal formato. ( Foto DN F06 )

Le bottiglie vengono sollevate e trasportate verso il nastro di deposito. ( Foto DN F07 )

Per prelevare formati diversi dallo standard bordolese, vengono forniti dei distanziali per allontanare la seconda pinza. Pertanto un cambio formato risulta essere velocissimo, in quanto si riduce solo ad uno spostamento di una pinza. ( Foto DN F08 )

Le file vengono depositate sul nastro interno a due vie, che si riduce ad una all’uscita della macchina

Ultimato lo strato, Donatello si posiziona in attesa, l’operatore toglie la falda, ed è subito pronto per lo strato successivo. ( Foto DN F09 )

Il nastro di uscita formato in lamiera inox piegata è dotato di una catena in acciaio inox o altri materiali e può essere accoppiato testa/testa o di lato. ( Foto DN F10 )

Il pallet può raggiungere i sette piani. ( Foto DN F11 )

Tutte le operazioni sono gestite dalla cassetta locale situata all’ingresso di Donatello, comprendente il pannello operatore da 7” widescreen a colori.

L’interfaccia operatore è molto semplice e intuitiva, dispone di ricette integrate, completamente personalizzabili, in modo da poter gestire bottiglie di vario formato e dimensione (piccole, medie e grandi), sempre con le stesse pinze pneumatiche; in questo modo il cambio formato si riduce solo all’inserimento di distanziatori per adeguare la presa delle bottiglie. Inoltre, Donatello scarica le bottiglie direttamente in linea di riempimento, senza alcun bisogno di accumuli, grazie al nastro trasportatore di cui è dotato. ( Foto DN F12 )

Donatello è una macchina molto compatta che, grazie alle sue ridotte dimensioni, è in grado di inserirsi in spazi ridotti; studiata e realizzata utilizzando tecnologie all’avanguardia, per ottenere un depalletizzatore a prestazioni elevate e ingombro minimo, Donatello è inoltre reversibile, può quindi formare un pallet pieno prendendo le bottiglie dalla linea. Automazione di alto livello, rilevamento automatico dello strato, allineamento delle file da prelevare tramite compattatori fissi e mobili, presa delle bottiglie tramite pinze pneumatiche, fanno di Donatello una soluzione innovativa, veloce, affidabile e silenziosa.

La nostra produzione è in continua positiva evoluzione nell’interesse della clientela. Ci riserviamo quindi di apportare modifiche e/o migliorie senza alcun preavviso.

Scheda tecnica

Video